off

La Brezza del 28 agosto 2016

terremoto

Carissimi, il nostro pensiero istintivamente corre ai terremotati del Centro Italia.
Che dire? Pianto e commozione per i tanti gesti di squisita solidarietà. E’ la decantata bella Italia, quella vera. Ma stanno già sorgendo diffidenze, contrasti, delusioni passate sul poi terremoto.
Che dire? E’ comune la voglia della ripresa. Affidiamola con la preghiera cordiale al buon Dio: che la generosità e la verità vincano la burocrazia, la malizia, l’interesse privato, particolare e venga premiata la buona volontà, la sincerità, l’aiuto fraterno.
Noi crediamo a questi valori … incominciamo a metterli in pratica nei nostri piccoli ambienti …Cambieremo il mondo! Auguri. Un abbraccio. Vostro don Vittorio

Leggi tutto nella Brezza n. 35-2016 (pdf)

 

L'autore